L’aumento vertiginoso del prezzo dell’oro

L’inflazione dovuta all’instabilità politica, la scarsità di materiale e la pandemia sono alcuni dei fattori che hanno portato a questo incremento

L’aumento vertiginoso del prezzo dell’oro

La pandemia e l’instabilità geopolitica hanno spinto il prezzo dell’oro ad aumentare vertiginosamente. E infatti, dopo giorni di rialzi causati dalla situazione geopolitica, che aveva portato a sforare quota 1.900 dollari e 54 euro, l’invasione dell’Ucraina ha fatto schizzare l’oro oltre i 56 euro al grammo e i 1.960 dollari l’oncia (55,88 e 1.948,44 alla notizia dell’apertura delle ostilità) raggiungendo e superando, per quanto riguarda l’euro, il picco dell’agosto 2020, quando si fermò a un passo dai 56, arrivando però a superare i 2mila dollari.

Questo evento va inoltre a innestarsi in un contesto già complesso, a partire dalle conseguenze della pandemia su finanza, logistica e approvvigionamenti.

Oliviero Villa, responsabile commerciale di OroVilla e Bancovilla e Ivana Ciabatti, titolare di Italpreziosi, sono stati interpellati per interpretare i fatti dell’ultimo minuto e tracciare un quadro a tutto tondo della situazione delle materie prime.

«Le cause di questa situazione sono diverse: congiunturali, strutturali, geopolitiche e speculative – sottolinea Ciabatti – Naturalmente il fattore scatenante è stato il Covid, che ha portato a una riduzione, se non al blocco della produzione. Poi, a una ripresa economica globale che nel 2021 è stata più veloce del previsto e ha fatto aumentare la richiesta di materie prime e di semilavorati, non è stata corrisposta una crescita adeguata dell’offerta. Questo ha portato a un marcato incremento dei prezzi, che sono arrivati a valori record da un ventennio. Al di là dei metalli preziosi, il cui prezzo è salito in maniera più contenuta, penso a gas, petrolio, rame o ferro».

I problemi, del resto, secondo l’ex presidente di Federorafi, sono legati a un gran numero di fattori, tra cui i disordini nella catena globale del valore, causati dalla crisi: problemi di logistica, di traffico globale dei container, restrizioni imposte in alcuni porti cinesi per contenere lo scoppio di focolai, l’aumento dei costi dei trasporti.

Difficoltà che riguardano da vicino anche l’oro, tanto che anche Ciabatti, operatore globale del settore da oltre tre decenni, si è trovata di fronte a una situazione inedita. «Dopo 35 anni, per la prima volta nel 2021 abbiamo avuto problemi nel reperire materie prime. A fronte di una forte domanda in Italia del settore oreficeria, gioielleria e argenteria, per il quale il 2021 è stato un anno positivo e importante, abbiamo trovato molte difficoltà di approvvigionamento, sia di oro che d’argento. Oltre ai problemi dovuti al fatto che alcune miniere hanno avuto dei focolai».

Diversa sembra invece essere la situazione dei metalli per uso industriale e d’investimento, come spiega Oliviero Villa, che per l’azienda si occupa di banco metalli, affinazione e lingotti e monete da investimento.

«Per quanto ci riguarda, di materiale ce n’è abbastanza, sia dal mercato – quindi metallo da riciclo – che dai trader, che ci mandano oro, argento, platino e palladio puri. Sono invece necessari tempi di consegna più lunghi per quelli secondari, come iridio, rodio e rutenio, usati a livello industriale».

Il problema, invece, si presenta su un altro versante. «La cosa più difficile è reperire le monete da investimento. Ad esempio, la sterlina di solito ha una consegna immediata, ma per avere quella del 2022 ci vogliono dalle quattro settimane in su. Non so se sia dovuto alla burocrazia aggiuntiva conseguente alla Brexit o alla carenza di materiale. Anche monete abbastanza comuni adesso sono difficili da trovare e questo fa aumentare i prezzi».

E i problemi di reperimento non sono sentiti nemmeno nell’area che si occupa di forniture industriali e semilavorati, anche per il settore orafo, dove la domanda di questi ultimi è aumentata notevolmente, in conseguenza della ripresa, ma anche del piano Industria 4.0, che ha spinto le lavorazioni meccaniche.

La quantità di materia prima in circolazione, insomma, secondo Villa non è l’elemento più rilevante nell’aumento dei prezzi. «L’oro è da sempre il bene rifugio per eccellenza – commenta – L’aumento dei metalli preziosi è dovuto a tanti fattori, dall’inflazione al conflitto tra la Russia e l’Ucraina, fino al rapporto tra Usa e Cina. La scarsità di materiale è solo uno dei fattori».

APP OA 20 generale

OROAREZZO APP

Una guida online completa con le directory degli espositori, le foto delle collezioni, i servizi, le mappe dei padiglioni con la localizzazione degli stand: tutta la Fiera a portata di mano nel dispositivo mobile.

Iscriviti alla newsletter

Letta l'informativa comunicatami, dichiaro la seguente volontà circa il trattamento dati per autonome finalità di marketing diretto da parte di terzi partner di IEG (finalità 4 dell'informativa)
Organised by
Member of
© ITALIAN EXHIBITION GROUP SpA
© ITALIAN EXHIBITION GROUP SpA© All rights reserved - Via Emilia 155, 47921 Rimini - CF/PI 00139440408 - Registro Imprese: Rimini P.I e n. Reg. Imprese 00139440408 - Capitale Sociale € 52.214.897 i.v.
Il tuo browser non è aggiornato!

Aggiornalo per vedere questo sito correttamente. Aggiorna ora

×